Cerca nel sito

mercoledì 27 luglio 2022

Un’app salvavita pienamente accessibile che chiunque dovrebbe avere

Articolo a cura di Luca Barani


 



Sei in pericolo? Devi chiamare i soccorsi ma non  sai precisamente dove ti trovi? Nessun problema!

“Where are u” ti consente di contattare il 112, il numero europeo per le emergenze, inviando automaticamente la tua posizione esatta alla centrale. Il doppio canale di localizzazione (GPS e rete dati), poi, assicura sempre l’invio della posizione anche nelle circostanze più sfortunate.


Il funzionamento? Semplice ed intuitivo! Andiamo a vedere!

Una volta scaricata, installata ed aperta, cliccando in alto a destra sarà possibile accedere alle impostazioni. Qui, sotto la voce “profilo”, per un ottimale funzionamento dell’app,  è necessario inserire dati anagrafici e numero di telefono e salvare le modifiche. Concluso questo primo step, una volta usciti dalle impostazioni, nella schermata principale sarà sufficiente premere la voce “apri menù “ in basso a destra, selezionare il tipo di soccorso di cui si necessita (sanitario, ordine pubblico o vigili del fuoco) e far partire la chiamata.

Visto? Non ti ho mentito, è estremamente semplice!


Ancora dubbi? Vorresti testarne l’efficacia senza contattare inutilmente la centrale? Niente paura,

“Where are u” mette a disposizione, sempre nel menù impostazioni,le voci “guida” e “tutorial”, per comprenderne l’utilizzo, e la modalità “demo” che consente di verificare l’esattezza della tua posizione. Quest’ultima, dopo aver simulato automaticamente una chiamata, ti rimanderà ad un sito web dal quale sarà possibile verificare che la tua localizzazione funzioni.


Tra le altre funzioni, poi, importantissima la modalità “chiamata silenziosa” che, nel caso in cui si fosse impossibilitati a parlare, consente di lanciare un allarme all’operatore ed aprire una chat.

Attraverso la voce “contatti ICE”, all’interno delle impostazioni, invece, sarà possibile aggiungere una lista di contatti potenzialmente utili agli operatori.


I difetti? Bene, abbiamo visto i “pro”, andiamo ora a vedere i “contro”.

L’applicazione non funziona ovunque; è infatti attiva in undici regioni. Tuttavia, eccezion fatta per questo piccolo neo, resta un’ottima app. Da scaricare!

1 commento:

  1. Ciao a tutti.
    È possibile avere l'elenco delle regioni supportate? Leggevo sull'articolo che non tutte lo sono...
    Ciao dal Barbuz

    RispondiElimina