Post

Un collega di Siri Androidiano

Immagine
Di Amel Mokni
Oggi vi parliamo di Voice Access. Questa applicazione, ci permette di controllare il nostro dispositivo attraverso dei comandi vocali. Per attivare Voice Access, bisogna nell’area impostazioni del dispositivo Android > accessibilità > Voice Access attivare facendo flick nel pulsante on/off. Dal momento del l’attivazione, è possibile proseguire con i comandi come ad esempio chiedere di aprire qualsiasi app contenuta nel dispositivo; Voice Access funziona quasi come Siri: Chiamate telefoniche: quando riceviamo una chiamata telefonica, nel nostro dispositivo Android, viene pronunciato il nome di chi chiama, inoltre, abbiamo la possibilità di scegliere tra accettare la chiamata o rifiutare attraverso i comandi vocali, inoltre, abbiamo anche la possibilità di tenere Voice Access attivo durante la chiamata.Attivazione schermata di blocco: possiamo sbloccare lo schermo attraverso il pin con Voice Access Le lingue disponibili sono: inglese, spagnolo, tedesco, italiano e fran…

I turni di notte del nostro iPhone

Di Amel Mokni
Oggi parliamo di una funzione non molto conosciuta o forse sì. Ma, si ignorano le reali funzioni.  Il night shift, si occupa di regolare i colori del display del nostro dispositivo Apple per ridurre la stanchezza degli occhi. Tutto ciò, avviene attraverso l’orologio e la geolocalizzazione che forniscono al dispositivo per regolare i colori e le tonalità in base alla zona in cui si trova il dispositivo; in questo modo, chiunque utilizzi il proprio dispositivo Apple con night shift attivo si rilassa facilitando il sonno. Ci sono due modi per attivare o disattivare il night shift:  Tramite il centro di controllo: posizionandoci sul pulsante “luminosità” applichiamo doppio flick tenendo il dito premuto con il secondo flick scorriamo il dito verso l’alto troviamo la possibilità di regolare la luminosità e l’opzione night shift che se premuta può essere attivata o disattivata. Tramite le impostazioni: schermo e luminosità > night shift; in questa schermata possiamo stabilire …

Google Home: l’altoparlante intelligente.

Di Alessio Conti.
Dal punto di vista esterno Google Home appare simile ad un amplificatore, una sorta di cassa per lo stereo. Nella parte posteriore del dispositivo si trova un pulsante che attiva o disattiva il microfono, permettendo così al altoparlante di sentire ciò che diciamo recependo i nostri comandi. Il dispositivo, una volta connesso ad internet, va configurato, la procedura appare totalmente accessibile, con una applicazione scaricabile da: Play store. Ma cosa si può fare con questo altoparlante? Personalmente non ho ancora testato tutte le sue operatività, ma riesco a leggere, almeno in parte alcuni giornali, ad ascoltare radio italiane e straniere, ad accedere a ricette di cucina, a cercare un numero sulle pagine gialle, a conoscere le previsioni del tempo per la località in cui mi trovo o per qualsiasi altro luogo del mondo, ad ascoltare musica, a leggere audiolibri da Google Play libri. Potrebbe fare anche altre cose come accendere o spegniere luci di un certo ambiente d…

Creare e gestire un DBMS utilizzando voiceover

Immagine
Di Alessandro Calabró

Premessa Questa guida è valida per qualsiasi dispositivo con una sintesi vocale indifferentemente dal sistema operativo che usateBisogna creare un account su sltervista e di conseguenza creare un altersitoImparare a gestire un Dbms non è semplice, questa è una guida avanzata


In questa guida vi spiegherò cosa è ma soprattutto come funziona un DBMS, ovvero un Database Management System, ovveroSistema di gestione di basi di dati, è un sistema software progettato per consentire la creazione, la manipolazione e l'interrogazione efficiente di database
Un database è una collezione di dati, collegati e disposti secondo una determinata struttura e logica ed è un modo molto comodo per memorizzare le informazioni gestite da un sito web. Anche chi utilizza voiceover può creare e gestire database, il modo più facile ed efficente è quello di creare un altersito e gestire da li il database del tuo sito. Un database Viene solitamente utilizzato dai CMS per registrare tutti i…

Come navigare nel deep web utilizzando VoiceOver

Immagine
Di di Alessandro Calabró

Premessa: Il seguente articolo ed il seguente video sono solo a scopo informativo. Non ci assumiamo la responsabilità di come utilizzerete queste informazioni.




Avrete sicuramente già sentito parlare del deep web,  il web sommerso.

Il web sommerso è l'insieme delle risorse informative del World Wide Web non indicizzate dai normali motori di ricerca. Per accedere a queste pagine web letteralmente sommerse negli abissi di internet, bisogna utilizzare un apposito motore di ricerca, chiamato tor browser, purtroppo però questo motore di ricerca non è accessibile ai disabili visivi in nessun sistema operativo, ma proprio per questo esiste Onion Browser, un app per iOS e android che fa lo stesso lavoro di tor browser, ovvero permettere a ogni utente di navigare nel deep web.
Noi utenti che utilizziamo VoiceOver, come già detto, possiamo navigare nel deep web solo da onion browser, che è pienamente accessibile è compatibile con VoiceOver. Per prima cosa scarichiamo Oni…

Mozilla sta pensando ad una versione a pagamento di Firefox

Immagine
Gli sviluppatori di Mozilla Firefox pensano a futuri servizi Premium a pagamento. In autunno potrebbero arrivare: una VPN e un servizio di cloud storage a pagamento.


Spotify - La tua banca musicale

Immagine
Di Amel Mokni

Spotify, è un servizio musicale che ci permette di ascoltare una vasta gamma di brani, etichette indipendenti, tra cui  Sony,   EMI, Warner Music Group e Universal.
Ascoltare playlist altrui, creare delle proprie playlist. Il servizio, è utilizzabile attraverso Microsoft, Windows macOS, GNU/Linux
(Deblan e Ubuntu). Gli utenti, hanno la possibilità di creare, condividere e modificare playlist; inoltre, i collegamenti alle playlist possono essere trascinati in una email o nella finestra di un programma di messaggistica istantanea. Se il destinatario segue il collegamento, la playlist viene scaricata nel suo programma Spotify. Nel 2018, Spotify, ha introdotto il servizio Line In, attraverso il quale gli utenti possono suggerire modifiche di brani, album e artisti.Andando ad analizzarla, troviamo
In basso tre pannelli:
home;
cerca;
la tua  libreria;
Nella sezione home, troviamo: in alto l’intestazione “ascoltati di recente”. Scorrendo con il dito da destra verso sinistra, tr…