Cerca nel sito

lunedì 21 settembre 2020

iOS: come rimuovere il nuovo suono riprodotto da VoiceOver


Vi sarà capitato che, durante la navigazione web, o durante lo scroll di una pagina, magari su Facebook, un nuovo suono introdotto con ios 14 venga riprodotto dal vostro iPhone, ipad o iPod touch. Si tratta del segnale acustico che indica il riconoscimento di testo o immagini. Non sappiamo se questa funzione, prossimamente, si rivelerà più utile, magari in altre app, ma per il momento per la maggior parte degli utenti risulta più fastidiosa che altro. Attenzione, non bisogna confondere questa funzione con  il riconoscimento del testo nelle immagin. Quest’ultimo non funziona ancora al 100% e, su Facebook, le immagini con testo verranno lette anche dopo aver rimosso il segnale acustico.

Per rimuovere questo segnale acustico, dunque, bisogna recarsi in Impostazioni, poi accessibilità, successivamente VoiceOver, poi in Audio. A questo punto recarsi su “Suoni e feedbac aptico”,, poi bisogna scendere giù fino a trovare la voce “Rilevati testo e immagini”infine disattivare il Suono.


Alessandro Calabrò

giovedì 17 settembre 2020

È la fine di iPad mini?

 

È giunta la fine di iPad mini?
Poche erano le speranze di vedere, durante l’apple event del 15 settembre, la presentazione di un nuovo iPad Mini. E di fatto, il nuovo iPad mini non c’è stato. Mentre tutti gli ipad si aggiornano, l’iPad mini rimane fermo alla sua quinta generazione uscita nel 2019, che monta il chip A12 Bionic, lo stesso di iPad 8, e che ha un display di 7,9 pollici, taglia che ha sempre mantenuto sin dalla sua prima versione. Il prezzo di iPad mini rimane di 459 euro sul sito Apple nella sua versione da 64 GB, mentre bisogna sborsare 631 euro per la versione 256 GB. Un pò troppo alti i prezzi di un dispositivo che offe, in pratica, le stesse prestazioni di un iPad 8, le uniche differenze si trovano nella fotocamera frontale, appena 1,2 MP su iPad 8 contro i 7 MP di iPad Mini, e nello spessore, molto più spesso iPad 8 con i suoi 7,5 mm contro i 6,1 di iPad Mini. Per il resto, cambia solo il display, 10,2 pollici per iPad 8 e, come abbiamo già detto, 7,9 su iPad Mini.
Alla luce di ciò, risulta forse un pò troppo elevato il prezzo di iPad mini, dato che con 389 euro si può portare a casa un iPad 8. Ma oltre a ciò, siamo davvero sicuri che valga acquistare un iPad Mini nel 2020? Con l’uscita di iPhone 12 Pro MAX avremo uno smartphone da 6,7 pollici, e probabilmente con i display degli iPhone che diventeranno sempre più grandi, un tablet da 7,9 pollici risulterà essere obsoleto. Avrebbe forse più senso un iPad Mini con bordi sottili, proprio come su iPad Air 4 e sugli iPad Pro, ne verrebbe fuori un dispositivo con le dimensioni di iPad Mini ma a tutto schermo, con un display di circa 8,9 pollici.  Dato che, però, un dispositivo simile ancora non esiste, per il momento conviene non acquistare iPad Mini, soprattutto ai prezzi che propone attualmente Apple, forse abbassare il prezzo di iPad Mini 5 sarebbe stato doveroso con l’introduzione dei nuovi iPad, anche perchè il prezzo di iPad Air 3, il predecessore del nuovo arrivato iPad Air 4, potrebbe scendere addirittura intorno ai 400 / 450 euro su Amazon, e quindi costare quanto un iPad Mini 5.
Per concludere, è fuori da ogni dubbio che un dispositivo delle dimensioni di iPad Mini possa essere molto comodo, si potrebbe usare per esempio un iPad Pro 12,9 come tablet computer e un iPad Mini come tablet da svago con una portabilità maggiore, ma a questi prezzi ed in questo periodo storico, forse non ne vale la pena.

Alessandro Calabró

iOS 14: qualcosa non va

Il bug di iOS 14

  Tutti aspettavamo le novità di iOS 14. Casa Apple ci aveva promesso molte novità tra cui la Apple library, il picture in picture (ovvero la possibilità di visualizzare in una in sovraimpressione un determinato contenuto come un video oppure un’app durante una videochiamata su Facetime). Una volta uscito l’aggiornamento, una parte degli utenti Apple, ha notato un bug non trascurabile. Si tratta del microfono che purtroppo si deduce non venga riconosciuto da iOS 14. L’assistente vocale Siri, pare non attivarsi con il  comando “Hey Siri”; le applicazioni di messaggistica come whatsapp, Telegram Messenger non sono momentaneamente abilitate a registrare messaggi vocali se non con un microfono esterno. Le chiamate sono anch’esse incluse  nel grande bug di casa Apple; le chiamate in entrata vengono accettate ma oltre all’altoparlante oscurato, non è possibile comunicare in quanto gli interlocutori non riescono a sentirsi; stessa cosa vale per i video registrati direttamente dalla fotocamera non emettono alcun suono in quanto l’altoparlante, è oscurato. Fortunatamente però, VoiceOver e i video trasmessi da YouTube funzionano. Si spera che questa situazione venga risolta nel minor tempo possibile.

Amel Mokni

mercoledì 16 settembre 2020

I prezzi dei nuovi iPad e dei nuovi iPad Air con IVA al 4%



Abbiamo già parlato in questo articolo della presentazione dei nuovi iPad. Alla luce di quanto visto ieri nell’apple event, ci rendiamo subito conto che i nuovi dispositivi che montano iPad OS 14 sono davvero convenienti da acquistare. No, Apple non ci paga per dire ciò, la pensiamo così perchè iPad 8 si può portare a casa con 389 euro ma monta un processore degno di questo nome come l’Apple A12 Bionic, ovvero il processore che troviamo su iPad Air di terza generazione uscito appena un anno fa, mentre l’iPad Air di quarta generazione presentato ieri e disponibile da ottobre monterà addirittura un Apple A14 Bionic, lo stesso processore che troveremo su iPhone 12 e che al momento non si trova su nessun altro dispositivo. Ciò fa rimpiangere chi, come me, ha da poco acquistato un iPad Pro a più di mille euro, dato che potenzialmente, ad oggi un iPad Air con un processore del genere si rivela potenzialmente più veloce di un iPad Pro, ad un prezzo di 669 euro per il modello da 64 gb

Ma veniamo adesso al dunque, per i possessori di legge 104 e di verbale di invalidità, c’è la possibilità di acquistare i nuovi iPad con iva al 4%, e direi che mai come oggi è il caso di approfittarne, ecco di seguito i prezzi dei nuovi dispositivi, prima a prezzo pieno e poi con iva al 4%


iPad 8 generazione (prezzo pieno)

32 gb solo Wi-Fi: 389 euro

128 gb (solo Wi-Fi): 489 euro

32 gb (Wi-Fi + LTE): 529 euro

128 GB (Wi-Fi + LTE): 629 euro


IPad Air (prezzo pieno)

64 GB (Solo Wi-Fi): 669 euro

256 GB (solo Wi-Fi): 839 euro

64 GB (Wi-Fi + LTE): 809 euro

256 GB (Wi-Fi + LTE): 979 euro


Vediamo adesso i prezzi scontati con IVA al 4%


IPad )8 generazione) (prezzo scontato)

32 GB (solo Wi-Fi): 318,98 euro 

128 GB (solo Wi-Fi): 400,98 euro

64 GB (Wi-Fi + LTE): 433,78 euro

128 GB (Wi-Fi + LTE): 515,78 euro


iPad Air (Prezzo scontato)

64 GB (solo Wi-Fi):  548,58

256 GB (solo Wi-Fi): 687,98 

64 GB (Wi-Fi + LTE): 663,38 euro 

256 GB (Wi-Fi + LTE): 802,78 euro      

 

Apple event: novità incredibili

Logo Apple


È terminato l’apple event, dove Tim Cook e company hanno presentato molte novità hardware e non solo, tra le quali spiccano il nuovo Apple Watch serie s 6, il più economico Apple Watch SE, il nuovo iPad ottava generazione, ed il nuovo iPad Air di quarta generazione.


Di seguito un piccolo riassunto, ma potete trovare gli articoli dettagliati sui nuovi dispositivi tramite i link qui sotto:


IPad AIR 

IPad (8 generazione)

Apple Watch series 6

Apple Watch SE



Partiamo con una riflessione sugli iPad, a quanto pare la presentazione del nuovo iPad e del nuovo iPad Air potrebbe far intendere che è giunta la fine degli iPad Mini. Infatti il tablet da 7,9 pollici di casa Apple non è stato aggiornato, forse perchè le sue dimensioni non sono più contemplate in un mondo dove gli smartphone si fanno sempre più grandi e con iPhone 12 Pro MAX, infatti, raggiungeremo i 6,7 pollici. Che sia la fine di iPad Mini?

Si aggiornano invece iPad e iPad Air, con grosse novità per quanto riguarda il tablet di fascia media di casa Apple, che quest’anno però pare avvicinarsi molto di più agli iPad Pro. iPad Air infatti presenterà un display da 10,9 pollici, con bordi molto sottili proprio come negli iPad Pro, non avrà il Face ID, ma proprio per la mancanza del tasto Home viene introdotta una nuova versione del touch ID integrato nel tasto di blocco e quindi per la prima volta spostato da Apple a 8 anni di distanza dalla sua comparsa su IPhone 5s.

Migliora anche la potenza di iPad Air, che diventa il 40% più veloce del suo predecessore, iPad Air di 3 generazione.

iPad Air 4 introduce nuovi colori rispetto ad iPad Air 3. I nuovi colori sono azzurro, oro rosa e verde, che si aggiungono a grigio siderale e argento.

iPad Air monterà il chip A14 Bionic, lo stesso che si dovrebbe vedere su iPhone 12, il più evoluto che Apple abbia mai montato su un iDevice. Spicca anche l’introduzione della porta USBC, la stessa montata sulle ultime due generazioni di iPad Pro. il dispositivo è compatibile con Apple Pencil di seconda generazione e con magic keyboard. La versione da 64 GB costerà 669 euro, mentre la versione da 256 GB arriverà a costare 839 euro, prezzo molto simile ai 900 richiesti per iPad Pro 11”

Se acquistiamo la versione LTE, che quindi include la possibilità di inserire una SIM, arriviamo a 809 euro per la versione da 64 GB e a ben 979 euro per la versione top da 256 GB.


IPad

Dopo aver parlato di iPad Air, parliamo adesso di iPad (8 generazione)

Questo dispositivo mantiene la porta lighting come il predecessore di settima generazione. In realtà questo iPad non differisce molto dallo scorso iPad, poichè la novità sostanziale pare sia l’introduzione del processore A12 Bionic, lo stesso presente sulla versione precedente dell’iPad Air, ovvero la terza generazione uscita nel 2019. Per il resto, il dispositivo non mostra particolari novità. Lo schermo resta da 10,2 pollici, con il tasto home e il Touch ID annesso. Da notare la presenza della porta jack per le cuffie, ancora presente su questo dispositivo, grazie anche ai 7,5 mm di spessore, siamo infatti di fronte all’iPad più spesso se confrontato con iPad Mini, iPad Air e iPad Pro.

I prezzi di questo IPad, che possiamo considerare il più economico almeno per quanto riguarda lo store su Apple.it, sono i seguenti:

IPad 32 gb (solo Wi-Fi): 389 euro

Ipad 128 gb (solo Wi-Fi): 489 euro

Ipad 32 gb (Wi-Fi + LTE): 529 euro

ipad 128 gb (Wi-Fi 

 + LTE): 629 euro


Apple Watch serie 6

Successore dell’apple Watch serie 5, il nuovo Apple Watch serie 6 si avvicina sempre di più ad essere un dispositivo medico in tutto e per tutto. La principale funzione introdotta è la a misurazione dell’ossigenazione del sangue, l’orologio impiegherà 15 secondi per fornire questo importante dato, che viene misurato tramite un laser che penetra nelle vene captando i livelli di ossigeno nel sangue. Nella presentazione è stata sottilineata anche l’importanza di questo dato in un periodo dove bassi livelli di ossigeno nel sangue possono essere un campanello d’allarme non solo per le malattie cardiovascolari ma anche per la possibile infezione da Covid-19. Il sensore è composto da quattro gruppi di led e da quattro fotodiodi.

Confermata la presenza dei sensori per la misurazione dell’ECG e del battito cardiaco come nel precedente modelllo di Apple Watch.

Questo Apple Watch è disponibile a partire da 439 € per la versione in allumino, il prezzo può salire fino a 489 euro in base al colore, stesso discorso per gli orologi con cassa in acciaio inossidabile che va da 839 euro a 789 euro in base ai colori.


Apple Watch SE

Si tratta dell’apple Watch economico. Adotta il nome SE dagli iPhone, con un cinturino elastico e con una certificazione swim proof, il dispositivo monta un display retina, un chip s5 sip dual core, rilevamento della caduta (chiama i soccorsi in caso di caduta), controllo del battito cardiaco, suggerimento intelligente di abitudini più equilibrate, controllo del sonno, promemoria per lavaggio mani, oltre che tutte le funzioni presenti da Apple Watch serie 3 in giu.

Apple Watch SE è in vendita a partire da  309 euro.


Maggiori informazioni su questi dispositivi saranno incluse nei prossimi articoli che troverete sul nostro sito.



Alessandro Calabrò.

martedì 1 settembre 2020

Siri offline: cosa sta succedendo?

 




Dalle prime ore del mattino, l’assistente vocale di casa Apple, Siri, che spesso ci aiuta nelle azioni quotidiane ha smesso di funzionare. Sono ormai più di sei ore che ad una qualsiasi richiesta risponde con frasi del tipo: “problemi di connessione”, “ci siamo quasi”, “attendi un momento”, “ci sto lavorando”. Questo accade su ogni dispositivo IOS. Il problema, è molto probabile legato ad un malfunzionamento dei server Apple; attualmente, alle ore 12.45 il problema continua a persistere, creando disagi in tutto il mondo. Vi aggiorneremo per eventuali sviluppi

lunedì 24 agosto 2020

Il nuovo Quizduello: sarà mai accessibile?



 Torniamo a parlare di Quizduello , in particolare stavolta del nuovo Quizduello una nuova applicazione che si basa sulla più conosciuta versione del gioco, introducendo nuove categorie, nuove animazioni e nuove modalità di gioco che consentono di sfidarsi anche in 5 persone contemporaneamente.

Il grande problema di questa applicazione, però, è che risulta completamente inaccessibile. Non solo perchè ci sono alcune componenti visive, specialmente nelle domande con immagini che sono molto frequenti, ma soprattutto perchè l’applicazione ha non è per niente compatibile con VoiceOVer.

L’assistente vocale, smette di assisterci in tutto e per tutto una volta aperta l’app, quindi non c’è nessun modo di poterla utilizzare per un non vedente. Molto difficile anche per un ipovedente, poichè quando bisogna rispondere alle domande, il tempo scorre non permettendo molto spesso al giocatore che si serve di zoom di leggere in tempo.

L’applicazione tutto sommato potrebbe teoricamente diventare accessibile, poichè sostituendo le domande con foto, con domande testuali, come accade nella prima versione di QuizDuello, sarebbe possibile anche per un VoiceOver User intraprendere una partita giocando ad armi pari con gli altri sfidanti.

Questo però non accade almeno al momento, dunque cosa possiamo fare?

Come molti di voi sanno, noi di Tecnoaccess teniamo molto all’accessibilità di questo gioco, che per adesso continua a divertirci con la sua prima versione che rimane online, funzionante e come sempre molto accessibile, infatti il torneo di quizduello che spesso organizziamo continua ad esistere proprio perchè la prima app del gioco continua a funzionare.

Ora però tocca a noi farci sentire per rendere accessibile anche il nuovo quizduello. Vi invitiamo ad inviare una mail di reclamo agli sviluppatori